lunedì 22 aprile 2013

La preghiera del Maratoneta

Dopo aver chiesto il permesso all'autore, Tony Audenshaw, un attore comico ma anche Maratoneta Inglese, ho tradotto questa preghiera del corridore. Ho messo la traduzione alla fine della versione originale.

----------------------- 
 The Marathon Prayer by Tony Audenshaw
Tony’s Trials
www.marathontalk.com



May the taper not have left you feeling fat and lethargic and the sniffles and niggles not
develop in to illness or injury

On marathon eve May your friends and family not text you ‘good luck messages’ after 9pm. If
staying in a hotel, may it be clear of Stag and Hen parties and may your room be some
distance from any noisy air conditioning units, night clubs or someone who has just been let
out of prison or returned from active service and that night been reunited with their loving
partner.

If perchance you do sleep may you dream of forgetting your number or race kit or of not
being able to find the start of the race or of oversleeping and missing it completely, in order
that on the day itself you will wake up, remember your number or race kit, and find your way
to the start on time.

May you eat a breakfast familiar to your digestive system.

May your transport be on time and free from catastrophic mechanical malfunction.

May the portaloos have few people queuing outside and plentiful toilet tissue inside

May your GPS unit and heart rate monitor be fully charged and may it find satellites
immediately and link seamlessly with your chest strap….. and not someone else’s.

May you not be held back by runners slower than you starting too far forward and in turn,
may you not spoil the race for others

May you not set off too fast and remember that if you feel you are running too slowly you
are still running too fast.

Let the weather be 11 degrees centigrade during the race with a light following breeze and
perhaps a hint of drizzle in the last six miles, then after the race may the clouds disperse and
reveal 20 degree sunshine

May your timing chip remain attached, your shoelaces stay tight and may you avoid tripping
over discarded water bottles or slipping on gel sachets.

May you not suffer a visit from the Gingerbreadman, or run directly behind someone who
has.

May you not be impeded by idiots wearing personal headphones, passed by runners in fancy
dress , athletes over the age of 80, your club mates, your partner or anyone off the telly.

May you see your supporters on the course and may your supporters see you and then when
the race is over may they meet you at a pre arranged location and not change their plan and
leave you thirsty ravenous and shivering as they struggle with the overloaded mobile phone
network.

May your nipples and sensitive areas be free from chafing And In the final few miles may you
avoid hitting the wall, resist adopting a run walk strategy and find the strength to f*@$%
your legs, And on crossing the line may you wipe the phlegm from your cheeks and the
crystallised salt from around your mouth and find the energy to smile for the cameras.

And then whatever your time or your achievement, be it a personal best or an absolute
unmitigated disaster, remember that your loved ones have tolerated you’re your persistent
absence, your challenging moods and narcoleptic tendencies for months on end, so wear
your medal or t shirt with pride, celebrate being one of the 0.1 percent of the population
who have trained for and completed a 26.2 mile race and enjoy a few days of being treated
like the hero you are, walking like a cowboy with haemorrhoids, and not having to run a step.

Amen

-----------------------

Marathon Talk is a free weekly podcast aimed at runners of all abilities and available every
Wednesday via MarathonTalk.com and iTunes.
Tony Audenshaw provides a weekly sketch - Tony’s Trials.
 -----------------------

  La Preghiera del Maratoneta, di Tony Audenshaw
Tony’s Trials
www.marathontalk.com

Fai che la settimana di scarico non vi abbia lasciato grassi e sonnolenti e che il raffreddore e le varie preoccupazioni non si siano trasformate in malattia o infortuni.

Fai che il giorno prima della Maratona i tuoi amici e familiari non ti mandino messaggi di "buona fortuna" dopo le 9 di sera. Se state in albergo, che non ci siano feste di addio al celibato e che la vosta stanza sia lontana da motori dell'aria condizionata, locali notturni o dalla stanza di qualcuno che e' appena uscito di prigione e si incontra per la prima volta con il suo partner.

Se riuscite a dormire, che sogniate di dimenticarvi il pettorale o di non trovare la partenza della gara oppure di non sentire la sveglia e non andarci per niente, cosiche', il giorno della gara vi sveglierete e vi ricordere il pettorale e troverete la strada per la gara in tempo.

Che possiate mangiare una colazione compatibile con il vostro apparato digestivo.

Che il vostro mezzo di trasporto sia privo di malfunzionamenti meccanici.

Fai che i bagni chimici abbiano poche persone in fila fuori e pochi disastri dentro.

Che il vostro orologio GPS e cardiofrequenzimetro abbiano la batteria carica e che trovino subito i satelliti e che si colleghino con la vostra fascia cardio ... e non con quella del vostro vicino.

Che non siate rallentati da corridori piu' lenti partiti troppo avanti e in cambio, che voi non roviniate la gara degli altri.

Che possiate partire non troppo veloci e che vi ricordiate che anche se sembra di correre lentamente, in realta' state correndo troppo veloce.

Che la temperatura sia di 11 gradi durante la gara con una leggera brezza, e magari qualche goccia di pioggia negli ultimi 10km ma poi, alla fine della gara, che le nuvole facciano spazio al sole e a 20 gradi di temperatura.

Fai che il vostro chip rimanga attaccato, i vostri lacci allacciati e che non scivoliate su bottiglie d'acqua vuote o bustine del gel usate.

Fai che non abbiate problemi di "evacuazione" o che non corriate dietro a persone che li abbiano.

Che non veniate ostacolati da idioti con le cuffie, superati da corridori in maschera, da atleti over 80, da compagni di societa', dai vostri partner o da qualche persona dalla Televisione.

Fai che riusciate a vedere i vostri sostenitori durante percorso e che loro vedano voi e che li incotriate al punto accordato senza che loro decidano di cambiare piano all'ultimo secondo e vi lascino assetati, tremanti, a combattere con la linee occupate dei cellulari.

Che i vostri capezzoli e tutte le aree sensibili siano prive di iritazioni e che evitate di entrare in crisi negli ultimi chilometri, che resistiate dal camminare e che troviate le energie per comandare le vostre gambe, quando state per passare all'arrivo, che possiate pulirvi la faccia dalla saliva e dal sale intorno alla bocca e che troviate le forze per sorridere alle macchinette fotografiche.

E poi, quasiasi sia il vostro risultato, che abbiate fatto il vostro personale o che sia stato un disastro totale, ricordatevi che i vostri amati hanno sopportato la vostra assenza costante, i vostri cambi d'umore e tendenze narcolettiche per mesi e mesi, quindi indossate la vostra medaglia con orgoglio, celebrate di far parte dello 0,1 per cento della popolazione che si e' allenata ed ha completato una gara da 42,195 km e godetevi i giorni in cui sarete trattati dall'eroe che siete, i giorni in cui camminerete come un cow boy con le emmoroidi e i giorni in cui non dovete correre neanche un passo.

Amen
-----------------------

Marathon Talk is a free weekly podcast aimed at runners of all abilities and available every
Wednesday via MarathonTalk.com and iTunes.
Tony Audenshaw provides a weekly sketch - Tony’s Trials.
 -----------------------

Nessun commento:

Posta un commento